"Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la permanenza di un'autentica vita umana sulla terra". "Includi nella tua scelta attuale l'integrità futura dell'uomo come oggetto della tua volontà". Hans Jonas, Il principio responsabilità

domenica 24 marzo 2013

Profumo di terriccio fresco: oggi ho lavorato al composto

Questa mattina ho lavorato ai due secchi di composto, setacciandone il materiale per raccogliere quello maturo.
Dai secchi al setaccio alla busta di carta e poi di nuovo nei secchi:


Il materiale più fine si è aggiunto a quello già raccolto nei mesi scorsi mentre il composto ancora in formazione è tornato nel suo contenitore dopo essere stato smosso, aerato e rivoltato nell'operazione (è ora morbido e soffice).

Al termine del lavoro in cima a uno dei due secchi ho poi aggiunto nuovo materiale sminuzzato e carta:


e richiuso con il coperchio traforato:


E' pieno zeppo, ma nei prossimi giorni il volume diminuirà.

E mentre la casa si riempiva di profumo di sottobosco, ecco il terriccio che sto raccogliendo nel contenitore:


A presto per la sua utilizzazione! 

16 commenti:

  1. Brava Paola!
    una domanda: l'aggiunta di scarti di cucina e carta la fai solo periodicamente? Non va bene farla di giorno in giorno??
    grazie del tuo buon esempio!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi aggiungere il materiale ogni giorno, senza problemi, o periodicamente ogni due o tre giorni. Nel mio caso, ultimamente non sono molto assidua, anche perché i due secchi sono entrambi molto pieni e avrei bisogno di un nuovo secchio che però non ho ancora rimediato.
      Ciao!

      Elimina
  2. Anch'io proprio stamattina ho dato un'occhiata al compost!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che coincidenza! Si vede che il periodo è propizio :)

      Elimina
  3. Paola, ma tu hai un giardino o un orto) dove impiegare il compost, o lo utilizzi nei vasi? e quanto ne produci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ho né giardino né orto né balcone :( e uso il terriccio per le mie piante in casa o per quelle di parenti e amici.
      Come dicevo sopra rispondendo a Contatto Naturale, ultimamente ho molto ridotto la produzione. Da quando ho cominciato a setacciare (circa un anno) avrò prodotto circa un secchio / tre quarti di secchio da cinque litri. Ma ho intenzione di aumentare la produzione, appena avrò un nuovo secchio e la stagione sarà più adatta (l'inverno non lo è molto).

      Elimina
  4. Ma daaaai! Sei pazzesca! Peccato che siamo lontane, altrimenti ti venivo a trovare spesso... vedere come si fanno certe cose dal vivo è molto meglio che spiegarlo a parole e poi io sono una che impara alla svelta! ;-)
    Bravissima e complimenti come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Clara, troppo gentile.
      Comunque è facilissimo. Se l'ho fatto io...

      Elimina
  5. Ottimo lavoro Paola! E poi il terriccio ottenuto va benissimo per le piante in vaso perchè è molto soffice! Qui continua a piovere, uff!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, questo è l'uso che ne faccio.
      Anche qui il tempo è ancora praticamente invernale... e le previsioni non sono buone!
      Ciao

      Elimina
  6. Ciao Paola,
    complimenti per i temi che tratti sul tuo blog!
    Anche noi facciamo il compostaggio dei rifiuti organici da anni (abbiamo un piccolo giardino)....
    Ti seguiamo volentieri, se ti va passa a trovarci su www.arteinlegno.blogspot.it
    A presto
    Elisa & Daniele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastici i vostri lavori, complimenti davvero!
      e grazie per la visita!

      Elimina
  7. Voglio assolutamente imparare a farlo anch'io, è davvero uno spreco non farlo! E ovviamente, prenderò lezione da te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok! Felicissima di essere di aiuto! :))

      Elimina
  8. Risposte
    1. Eh già, sono soddisfazioni sì!

      Elimina